AAA. Cercasi Lista civica per prossime elezioni a Guidonia

AAA. Cercasi lista civica, ammaliante, che non ricordi colori o insegne dei partiti, un contenitore o carrozzone dove attaccare tanti binari, vecchi e nuovi. Luogo in cui far perdere la memoria agli elettori su governi cittadini già cavalcati.

A Guidonia, lo scacchiere politico è già da tempo in fibrillazione in vista delle prossime elezione di primavera 2017.
Novità è la “messa al bando” delle insegne dei partiti, ree di ricordare fin troppo spesso, cronache del malaffare. Eccezioni? …M5stelle, che malgrado la stampa cerchi d’infangare, rimane fuori dai compromessi e dalle ruberie. Forse il PD per una “coerenza” tutta da capire e Fratelli d’Italia, di nostalgica ideologia tutta d’immagine, come i manifesti elettorali della Meloni: ritoccati a tal punto da confondere gli elettori convinti di votare una più famosa attrice spagnola.

Quindi giù con le #liste civiche con i nomi più strani e improbabili… contenitori, con dietro i soliti partiti e dentro i ” vecchi” politici: né più né meno quelli che hanno creato lo status quo del Comune, gli altri un corollario di arrivisti da poltrona.
Ovvio qualche eccezione c’è sempre… Sono quelli che quando dici (generalizzando) i politici dei partiti sono ladri, loro dicono no, non è vero e citandosi, possono provare il contrario.
Ma si sa che il problema non sono queste “mosche bianche” che poco contano, bensì le nere che poi decidono e arraffano.
Ci sono politici, che militano in queste liste civiche, che hanno sempre fatto i politici da quasi vent’anni e ancora pretendono di cambiare in bene Guidonia, forse il loro “bene”, visto che con tutto il tempo a loro concesso non sembra aver creato frutti.
La solita storia: se tu sei stato parte del problema, come pensi di poterne esserne la soluzione?!

In tutto ciò la domanda lecita è: anche questa volta i cittadini del comune di Guidonia Montecelio eviteranno una sana autocritica votando per le solite “sirene”, quelle che offrono un tozzo di pane (che a vederlo bene, in alcuni casi, sarebbe di diritto) o un (Es.) “giardinetto” di quartiere che poi SE vedrà luce morirà per la manutenzione nulla.
Oppure, vedranno aldilà della siepe di casa cercando un “buon governo” che non aiuti solo per comodo o amicizia bensì per una sincera volontà di progresso comune?!

Ovviamente, noi tutti speriamo di sì perché se non c’è mai fine al peggio, speriamo sempre per questo Comune di non scoprirlo.

Sveglia è ora di cambiare!

Falkui LaParola