Allarme acqua potabile nelle scuole di Guidonia Montecelio, pericolo concreto o clamoroso falso allarme?

Ad infiammare i gruppi WhatsApp e Facebook dei genitori di tutte le scuole della Città di Guidonia Montecelio, la foto di un provvedimento del 2 settembre a firma del Dirigente e del Funzionario dell’area Diritto allo Studio del Comune nel quale si “invita a non utilizzare l’acqua per scopi alimentari“.

La nota apparsa in alcuni istituti scolastici che è stata fotografata e sparata su gruppi chat di genitori allarmati.
La nota apparsa in alcuni istituti scolastici che è stata fotografata e sparata su gruppi chat di genitori allarmati.

Gli istituti scolastici interessati sono il De Filippo dei plessi di via Morelli, via Lamarmora e via Monte Bianco, il Manzi a via Palermo  e via Rieti, il Montelucci in via di Albuccione e e il Leonardo Da Vinci  in via Verdi. Sotto accusa nella nota di Corrado CardoniRossella Solidoro, sono i valori di ferro e dei nitriti riscontrati durante le analisi finalizzate alla istallazione degli erogatori di acqua microfiltrata nelle scuole.

La preoccupazione dei cittadini è anche quella relativa all’acqua che arriva nelle case limitrofe alle scuole: dato che è lo stesso acquedotto, si può bere e cucinare tranquillamente o è meglio di no? E nelle altre scuole?

A cercare di fare chiarezza è il settore Lavori Pubblici, al quale compete storicamente il rapporto con il gestore dell’acquedotto: “Non siamo stati interpellati nelle operazioni di prelievo, altrimenti non saremmo arrivati a questo allarmismo. Il problema è assolutamente sovrastimato ed è già rientrato, in quanto le analisi sono state eseguite alla fine di un lungo periodo di chiusura delle scuole, quindi sono assolutamente normali delle concentrazioni di ferro e nitriti dovuti essenzialmente alla permanenza idrica prolungata nelle tubature. Un po’ come quando si rientra dalle vacanze, prima che l’acqua in casa sia buona e sicura è necessario farla scorrere un po’. In ogni caso, abbiamo allertato subito ACEA che ha fatto delle controanalisi il 9 settembre e ieri (12 Settembre, ndr) ha ufficializzato che i valori sono assolutamente nella norma”.