Andrà ai poveri del territorio l’eccedenza dei viveri e del vestiario raccolti per i terremotati.

WP_20160826_16_13_35_Pro

“Non andrà sprecato nulla di quanto la generosità delle persone ha donato per aiutare i terremotati”. Ad affermarlo è Serena Di Paolo, presidente dei Volontari Valle Aniene: “Tutto quello che è rimasto nel nostro capannone, dai viveri al vestiario, scarpe, giocattoli, prodotti per l’igiene,  lo daremo alle famiglie bisognose del nostro territorio. Faremo capo ai Servizi Sociali dei nostri comuni che ci indicheranno le famiglie e le persone singole che ne hanno più bisogno. Colgo l’occasione per ringraziare tutti per la generosità dimostrata. Comunque, ci tengo a sottolineare che, fino a che non ci hanno detto che non era più necessario proseguire la raccolta, i nostri volontari hanno portato in zona terremotata molti carichi di derrate e altri beni di prima necessità. Torno a ribadire che nulla di quello che è stato donato andrà sprecato”.

Red.