Ecocentro di Marcellina

Ecocentro di Marcellina : sinergie con San Polo, nel rispetto delle regole


marcellina 2Alessandro Marulli,
Consigliere comunale del M5Stelle di Marcellina, chiede al Sindaco di confrontarsi in Consiglio comunale sulla decisione che vedrebbe il comune di San Polo dei Cavalieri conferire i rifiuti della differenziata (plastica, vetro e carta)  nell’ Ecocentro di Marcellina.

Al Sindaco del Comune di Marcellina

Ai Consiglieri Comunali

 

Sindaco Lundini

Intervengo sulla proposta di convenzione con il Comune di San Polo per l’utilizzo del nostro Ecocentro.
Dopo il “nulla” dell’Amministrazione Nicotera, questo paese attendeva una riflessione critica sulla differenziata e quindi sull’operato della Società Pragma.
Avremmo voluto confrontarci sulla raccolta e sulla qualità della nostra differenziata; sul coinvolgimento e sulla risposta dei cittadini. Sulla pulizia del paese, sul contrasto e lotta alle discariche e all’abbandono criminale di rifiuti, sulle condizioni di lavoro degli operatori ecologici. Su questo tornerò più avanti.
Gli argomenti appena elencati difettano della chiarezza indispensabile perché mai affrontati, mai approfonditi, anche quando Lei era all’opposizione ed avrebbe avuto il dovere di farlo.
Dopo tre anni di silenzio, ci aspettavamo una riflessione critica che desse a questo Consiglio Comunale gli strumenti analitici negati dal suo predecessore, finalizzati ad un miglioramento del servizio; condizione indispensabile per una riduzione delle tariffe che il paese aspetta e che in campagna elettorale Lei stesso ha promesso.
Ora all’ODG di questo Consiglio Comunale, troviamo una Convenzione con il Comune di San Polo per l’utilizzazione, si precisa “momentanea”, del nostro Ecocentro .
L’emergenza da sempre serve a non far discutere e la sua giunta non si sottrae a questa pessima regola della politica.
Il Movimento 5 Stelle è favorevole alle sinergie. Ma nella chiarezza. Oggi questa chiarezza non c’è e questo Consiglio Comunale prima di decidere dovrà necessariamente perseguirla.
Entriamo nel merito:
Quante ispezioni e quale controllo l’Ufficio Tecnico ha esercitato nel Sito dell’Ecocentro?
Oggi quel Sito difetta di un sistema di pesatura certificata in entrata ed in uscita.
Difetta di telecamere di sorveglianza (quelle installate non sono funzionanti).
Difetta di sistemi d334777-800x533i depurazione delle acque di piazzale.
Per quanto riguarda le condizioni di lavoro degli operatori, di cui il Comune di Marcellina è garante contrattualmente e legalmente responsabile, non si è effettuato mai nessuna verifica.
Oggi ho potuto constatare personalmente l’impraticabilità dei servizi igienici e docce, a causa della mancanza di un collegamento alla rete idrica, in quello che dovrebbe, da contratto, essere lo spogliatoio delle maestranze.
Per l’assegnazione dell’appalto alla Società Pragma, ricordo a tutti i presenti, fu determinante il possesso da parte della stessa della certificazione ISO 9001 2008 e la dotazione di spogliatoi e servizi igienici adeguati per il personale.
Come vede Sig.Sindaco, prima di decidere, troppi sono i punti da chiarire; primo fra tutti il ruolo di controllo che questa Amministrazione, rompendo con il passato, vorrà esercitare.
Solo dopo questa riflessione parleremo di San Polo e della Convenzione.
La invitiamo pertanto a soprassedere a questo punto all’ordine del giorno. Il Movimento 5 Stelle propone per i contenuti sopracitati il passaggio in Commissione Consiliare.
Marcellina deve riflettere e confrontarsi.
San Polo viene dopo.

Marcellina, venerdì 29 luglio 2016

Consigliere Comunale Movimento 5 Stelle
Alessandro Marulli