A Fonte Nuova Si raccolgono le firme per avere un presidio delle Forze dell’Ordine

 

Le associazioni CITTADINI PER FONTE NUOVA E’ NOSTRA e COMITATO CITTADINI DI FONTE NUOVA promuovono una massiccia RACCOLTA FIRME DI CITTADINI per proporre al Sindaco, all’Amministrazione Comunale di Fonte Nuova e agli altri organi aventi causa la dislocazione di una nuova CASERMA nel nostro Comune, anticipandone via pec il contenuto dell’istanza.
A tal scopo è possibile scaricare qui dal web sia l’istanza che la griglia della raccolta firme, da fotocopiare sul fronte/retro di ogni foglio A4, e da domani, 7 ottobre 2017, sarà possibile riconsegnare in orario di negozio nei seguenti esercizi commerciali i fogli debitamente compilati dai cittadini :

A TORLUPARA: …
– da COLLANT, in Via Nomentana, adiacenza Piazza Padre Pio;

A S. LUCIA: …
– da DOMUS IMMOBILIARE, su Via Palombarese
– da MACELLERIA SCIANNELLA, Via Palombarese 39

VISTA L’IMPORTANZA DELLA TEMATICA, SI PREGA DI FARE PASSA PAROLA CON MASSIMA DIFFUSIONE

Cittadini per Fonte Nuova è Nostra
Comitato Cittadini di Fonte Nuova

Questo il testo dell’istanza:

“Al Sindaco del Comune di Fonte Nuova p.c. Al Ministro dell’Interno, Al Prefetto di Roma, Al Sindaco del Comune di Mentana, Al Comandante dei Carabinieri di Mentana, Al Comandante dei Carabinieri di Monterotondo
Oggetto: Istanza per destinazione locali comunali in Fonte Nuova ad installazione nuova caserma dei Carabinieri affidata in comodato d’uso gratuito – Raccolta firme di cittadini
Poiché negli ultimi anni non hanno trovato concreto fondamento le promesse dell’installazione di una Caserma nel Comune di Fonte Nuova, divenuta ormai un problema indifferibile per la sicurezza del nostro territorio, i firmatari della presente richiedono al Sindaco di Fonte Nuova e alla Amministrazione comunale tutta di voler farsi carico e di provvedere alla risoluzione immediata della questione, ritenendo la presenza di una stazione di Carabinieri punto cardine per la vita sicura dei cittadini fontenovesi, nel caso anche mediante accorpamento in sinergia potenziata con il limitrofo Comune di Mentana, la cui stazione situata in Via Moscatelli potrebbe essere oggi provvisoria per annunciato sfratto dei locali in uso.

Pertanto, inviando detta istanza per conoscenza anche al Ministro dell’Interno, al Prefetto di Roma e a tutti gli altri organi aventi causa, che ci leggono in copia affinchè detto percorso possa trovare insieme una più celere definizione, a seguito di una attenta ricognizione ed analisi congiunta delle due Associazioni “Cittadini per Fonte Nuova è Nostra” e del “Comitato Cittadino di Fonte Nuova” ( i cui presidenti pro tempore saranno gli interlocutori designati dalla cittadinanza per seguire l’evolversi e l’esito di tale istanza), i cittadini firmatari della presente, per rendere Fonte Nuova e tutto il quadrante Nord-Est più sicuro e migliore, propongono al Comune di Fonte Nuova, nella persona del Sindaco, Ing. Piero Presutti, di voler far emanare le necessarie delibere amministrative ed indicare agli organi di Prefettura i locali comunali della sede dove attualmente è situato l’asilo di Via Campania come possibile dislocazione di una nuova stazione dei Carabinieri concessa dal Comune in comodato gratuito (..o viceversa diversa sede che questa amministrazione comunale riterrà altrettanto idonea) facendo particolare riferimento ed attenzione al fatto che detti locali, dislocati su tre piani con ingresso indipendente, compreso un parcheggio per le autovetture e situati in qualche modo con equidistanza tra Fonte Nuova e Mentana, sono assolutamente idonei ed efficienti per soddisfare la normativa attuale che, per Legge, prevede l’installazione di una caserma solo laddove sia possibile anche realizzare alloggi per il personale coinvolto: tutto ciò affinchè si dirima in tempi rapidissimi la questione, anche in considerazione del fatto che comunque l’asilo di Via Campania da quest’anno sembrava dovesse essere già spostato in sede più idonea, ovvero nell’ex scuola media in Via lago di Bracciano 1, facendo seguito alla mozione consigliare approvata in Consiglio Comunale nello scorso gennaio 2016.

Ordine pubblico, legalità e sicurezza e quindi la tranquillità di un territorio sono anche un incentivo per il suo sviluppo turistico in quanto sicuramente producono un incremento di presenze con indubbi vantaggi per la sua economia e condizioni favorevoli all’insediamento di nuove strutture ricettive. È indispensabile perciò, considerando i continui tagli alla spesa pubblica, favorire quanto prima un nuovo ed idoneo presidio delle forze dell’ordine sul territorio: riteniamo infatti che si aggravi il rischio reale se la nostra città ormai arrivata a 35.000 abitanti circa, comprendenti un grande numero di etnie diverse residenti, non sia dotata in tempi brevi di tale fondamentale servizio, considerata la vastità del territorio, la sua particolare conformazione orografica, la distribuzione in due frazioni non ben collegate della popolazione e in innumerevoli case sparse dislocate nel territorio agricolo.

Certi in un favorevole e tempestivo accoglimento della presente, restiamo in attesa di una risposta ai sensi ed entro i termini previsti dalla Legge 241/90 e smi e del DL. 195 del 19 agosto 2005, in attuazione della direttiva 2003/4/CE, per accesso del pubblico agli atti in materia ambientale. In fede”

La griglia per la raccolta firme