Guidonia: Imminente l’apertura (prima di Natale) dell’Isola Ecologica in via Lago dei Tartari

Se la parola data verrà mantenuta, finalmente prima del prossimo Natale ci sarà l’apertura ai cittadini di Guidonia Montecelio dell’Isola Ecologica in via Lago dei Tartar

wp_20161115_16_22_39_proi.

A prometterlo è il responsabile delle Politiche ambientali dell’Area VII Ambiente e Parchi Alberto Latini, coadiuvato nell’annuncio dal responsabile della sede della Tekneko di Guidonia, Giuseppe Corbino. Effettivamente siamo stati sul posto e abbiamo visto che sono stati portati all’interno dell’Isola numerosi cassoni scarrabili e altri materiali pronti per essere usati. Mancherebbe soltanto l’asfaltatura del pezzo di strada che conduce all’impianto.

La storia di questa Isola Ecologica (noi di Colibrì ce ne occupammo già lo scorso giugno ndr) fa parte della serie delle “opere infinite” e mai entrate in funzione, per cui Guidonia è famosa.wp_20161115_16_24_04_pro

Dieci anni fa, successivamente alla realizzazione delle isole ecologiche a Roma, anche l’amministrazione di Guidonia Montecelio guidata da Filippo Lippiello deliberò per crearne una dalle nostre parti. Ma dopo questo primo atto, il progetto rimase sepolto in qualche cassetto per 4 anni, finché l’amministrazione Rubeis ritirò fuori il progetto e fu stanziato un nuovo finanziamento. Secondo i progetti l’impianto sarebbe dovuto essere pronto in un annetto al massimo. Fu acquistato un terreno in zona Lago dei Tartari, furono stanziati altri soldi. Sarà forse la vicinanza con il Palazzetto dello Sport del Bivio, ma ogni volta che i lavori raggiungevano un punto che poteva essere cruciale, ecco che non si avevano a disposizione i fondi per pagare le ditte, per finanziare varianti, per adeguare la struttura alle normative che nel frattempo si evolvevano.

Due anni or sono, quando tutto sembrava andare per il meglio, dopo mesi e mesi di chiusura e abbandono, arrivarono i ladri lì dove la politica di fermava, e con una razzia di una nwp_20161115_16_21_54_prootte vennero rubati e vandalizzati gli uffici, le porte, gli accessi.

Ricerca di nuovi fondi (si è arrivati a circa mezzo milione di euro), normative da affrontare ed ecco che dopo ben due anni e mezzo, ora pare sia tutto pronto per accogliere vecchi mobili e copertoni. Come già detto: l’impianto sarà gestito dalla Tekneko, la società che già si occupa della raccolta dei rifiuti.

Sperando che le promesse vengano mantenute, dopo tante cattive notizie, possiamo dire che questo è il regalo di Natale che i cittadini di Guidonia Montecelio riceveranno dal Commissario Prefettizio Giuseppe Marani.

Angelo  Scipioni