Zone morosità ERP

A Guidonia Montecelio l’E.R.P. non “paga”

Ai più attenti non saranno sfuggite le numerose ordinanze di decadenza delle assegnazioni di alloggi E.R.P. (Edilizia Residenziale Pubblica) per morosità. 22 nel 2016 e ben 64 nel 2017, forse in aumento: a Guidonia Montecelio l’E.R.P. non “paga”. Leggendo le ordinanze, possiamo affermare che la storia affonda le sue radici fin dal 1999, primo anno a cui il Comune attribuisce le morosità che, sempre leggendo le ordinanze, sembra si protraggano a tutt’oggi.

Trattasi di un’operazione di ripristino della legalità (gli affitti vanno pagati) per un ammontare di € 1.638.672,46 di mancati pagamenti di canoni di locazione, per i quali è stata anche attuata la procedura di riscossione coattiva. L’ammontare è di tutto rilievo, e spalmando le cifre sul periodo di morosità indicati nelle varie ordinanze, si nota che gli anni 2007-2008-2009 hanno rappresentato il picco con importi annuali di circa € 160.000 ognuno. Quasi mezzo milione di Euro in soli tre anni. Il calcolo è stato fatto su una media, non avendo a disposizione i dettagli annuali di ciascuna ordinanza. Le zone su cui gravano le morosità sono le seguenti:

Via Giuseppe Garibaldi € 97.568,75
Via Colleferro € 104.486,91
Via Filangeri € 164.879,62
Via Alessandro Guidoni € 180.078,38
Via delle Ginestre € 275.232,06
Largo Trieste € 816.426,74
Media morosità ERP
Morosità media per famiglia

Largo Trieste detiene quindi il primato con il 50% del totale degli importi non versati mentre, se si guarda la media per famiglia, salta al primo posto la zona di Via Colleferro con € 34.828,97 e con un picco di ben € 75.301,91, debito contratto da una sola famiglia. La materia è spinosa poiché se da una parte ci si chiede come mai l’Amministrazione non sia intervenuta prima che si accumulassero 1,6 milioni di Euro di debiti, dall’altra non si può non evidenziare un probabile disagio sociale: 86 le famiglie che hanno ricevuto l’ordinanza di sgombero. Non conosciamo le storie personali di queste 86 famiglie ed i motivi per cui non abbiano assolto il versamento dei canoni di locazione per tutti questi anni, e non è certamente compito di un giornale esprimere giudizi. Il nostro compito è raccontare la realtà, e saremo ben felici di raccogliere le loro testimonianze (contatti@colibrinews.it).

Claudio Ortenzi