Guidonia: Teatro Imperiale –  Presentato il programma per la nuova stagione teatrale

 

 

Conferenza stampa presso l’Aula Consiliare del Comune di Guidonia Montecelio per la presentazione della società GSM Eventi di Anna Greggi e Gennaro D’Avanzo, vincitrice del bando di assegnazione per la gestione delle stagioni teatrali  2018/2019 e 2019/2020 del Teatro Imperiale di Piazza Matteotti. Erano presenti il Sindaco Michel Barbet, l’Assessore alla Cultura Elisa Strani e il responsabile della cultura Antonio Capitano.

 

Il Sindaco Michel Barbet, nell’introdurre la conferenza, ha ricordato le vicissitudini che hanno portato la scorsa stagione al rallentamento della programmazione, per avvenimenti non dipesi dalla sua amministrazione ma anche a causa delle scarse risorse economiche disponibili. Si è detto certo che la scelta fatta con l’assegnazione alla società GSM Eventi per la gestione artistica del Teatro Imperiale per il prossimo biennio, sia stata la migliore e che porterà lustro e visibilità alla città di Guidonia Montecelio.

L’assessore Elisa Strani ha tenuto a sottolineare che a questo nuovo bando si vuole dare maggiore continuità, a differenza di quello della precedente gestione; quando l’attuale amministrazione (subentrata nel mese di luglio a stagione inoltrata) è dovuta intervenire con procedura d’urgenza e con una limitata durata nel tempo, senza sottacere i limiti imposti dallo scarso stanziamento disponibile e senza dimenticare che la passata stagione teatrale ha avuto una durata di soli sei mesi. Questa volta invece avendo avuto più tempo a disposizione, si è riusciti a fare un bando che darà più continuità con una programmazione estesa su due anni: 2019 e 2020 e l’auspicio che questo possa essere un progetto valido per ridare continuità alla fruizione di questo teatro per tutto il territorio.

Il responsabile della Cultura Antonio Capitano ha sottolineato come questo progetto si aggiunge al resto della promozione culturale che l’amministrazione sta valorizzando. La stesura del programma degli spettacoli, presenta titoli   di enorme spessore e molto variegati tra loro, con rappresentazioni più impegnate ed altre più leggere, con l’aspettativa che questa scelta porti ad una maggiore fruibilità di pubblico interessato. Questo vuole essere uno stimolo a rivitalizzare la città con il teatro come luogo di centralità e di movimento.

Il direttore artistico Gennaro D’Avanzo, dopo aver ricordato i suoi passati teatrali, iniziando nel 1978 con la direzione del Teatro San Babila di Milano, si è impegnato a mettere a disposizione la sua professionalità quarantennale insieme ad Anna Greggi e a tutti i componenti della GSM Eventi. “Il teatro è fatto di passione, è fatto di cose semplici, ma sono ingredienti che vanno messi alla prova – ha tenuto a sottolineare – noi ci lavoreremo ventiquattro ore al giorno perché, bisogna dirlo, siamo in ritardo di due mesi. In tutti i teatri le programmazioni partono ai primi di ottobre e finiscono a giugno. Dobbiamo promuovere una campagna abbonamenti per creare delle aspettative in una città che ha bisogno di andare a teatro. Abbiamo scelto dei titoli con testi più impegnativi ed altri più leggeri che contengono anche passaggi di comicità. Quando ci si tira su le maniche e si lavora per il pubblico, senza pensare a se stessi, i risultati arrivano sempre. Presentiamo otto compagnie, oltre ad altri avvenimenti che faremo durante la stagione. Abbiamo contenuto, abbassandoli, anche i prezzi perché tutti possano usufruire del teatro”. 

Anna Greggi, anche lei direttore artistico della GSM Eventi, nel suo intervento ha presentato nel dettaglio gli otto titoli e le compagnie che li rappresenteranno ma, ha proseguito: “Il programma non prevede soltanto la rappresentanza delle opere del cartellone teatrale vero e proprio, ma ci saranno altri appuntamenti e iniziative. La stagione inizia il 12 gennaio con la formula weekend, che prevede due repliche dello stesso spettacolo il sabato alle ore 21 e la domenica pomeriggio alle 17,30. Dopo un anno di buco, tornerà la 12a Edizione del Teatro Festival “Corvo d’Oro”, al quale parteciperanno le compagnie locali. Inizieremo le selezioni il prossimo febbraio e il suo svolgimento ci sarà da aprile a giugno. La compagnia vincitrice sarà inserita nel cartellone della stagione successiva. Sono previste anche quattro “Family Show” fuori cartellone. Per Family Show si intende la famiglia che porta a teatro i bambini. Questa è una formula di spettacolo che va più di moda al nord Italia, ma noi vorremo proporla anche qui la domenica mattina o il sabato pomeriggio. Se funzionerà non lo sappiamo, ma ci lavoreremo. Vorremo proporre spettacoli dedicati ai bambini e ai ragazzi più grandicelli. Potrebbero essere piccoli musical o delle favole interattive. Ve ne parlerà con più dettagli Elisa Faggioni. Abbiamo in programma anche quattro spettacoli di cabaret con comici emergenti ma anche affermati con date da stabilire. Avremo anche una rassegna di musica rock con gruppi emergenti locali, un concerto jazz (di questo però dovremo avere conferma), uno spettacolo per l’otto marzo, festa della donna, che organizzeremo noi avendolo già sperimentato nel passato qui a Guidonia. Vorremo organizzare anche un laboratorio che tratti il tema del bullismo, recandoci nelle scuole del territorio per coinvolgere i ragazzi, facendogli raccontare storie vissute personalmente, ma anche quelle che ci fornisce la cronaca, unendo poi tutto in una serata-saggio sul tema. Inviteremo anche degli esperti per parlare in maniera più scientifica del tema, mentre noi ci occuperemo della parte artistica. Organizzeremo anche un seminario sul potenziamento delle capacità espressive rivolto agli adolescenti. Appuntamenti anche con la musica lirica: racconteremo a quelli che non conoscono le opere, Tosca e La Traviata con una formula già sperimentata che ha avuto molto successo, ma che piacerà anche ai melomani.  Il primo appuntamento con tutti quelli che vorranno, ci sarà con lo spettacolo di San Silvestro, il 31 dicembre ultimo dell’anno. Brinderemo all’anno nuovo con spumante e panettone per tutti e stelline scintillanti ma senza botti.”

Elisa Faggioni, attrice- regista, diplomata all’Accademia di arte drammatica, educatrice e già direttore artistico del Teatro dell’Applauso a Tivoli Terme, metterà a disposizione la sua esperienza ventennale di teatro sociale, di lavoro nelle scuole, negli asili, nei centri sociali e si occuperà di educazione e formazione di tutto il settore scuola comprendente i bambini, i ragazzi e gli adolescenti. Proporrà, insieme al gruppo di lavoro, il coinvolgimento nel progetto educativo tutti questi soggetti, sia a livello culturale che di rispetto reciproco; essendo fermamente convinta che la cultura serve anche a questo, senza tralasciare il lato intellettuale e di trattenimento. Quindi cultura come istruzione e ricerca dell’identità collettiva. Un altro progetto che porterà avanti è quello dello spettatore consapevole che consiste nell’organizzare gruppi di spettatori da portare a teatro. Esperienza che ormai la coinvolge da anni e ha lo scopo di educare il pubblico facendolo confrontare e dibattere al termine della rappresentazione e cercando di capire poi tutti insieme quello che si è visto. Il suo motto è che: “Bisogna essere, oltre che spettatori, critici costruttivi per far crescere anche l’arte dello spettacolo”. Si occuperà anche di organizzare dei workshop che trattano di bullismo, come già detto prima, che interesserà le scuole, ma anche di comunicazione efficace, di empatia ed eupatia. Inizialmente saranno seminari di breve durata, con la speranza che possano crescere e diventare più lunghi.

Il Sindaco Michel Barbet a conclusione dell’incontro ha assicurato che il Comune farà la sua parte per divulgare il programma e che a breve sarà attivo un nuovo sito istituzionale dove uno spazio verrà riservato per pubblicizzare gli spettacoli e tutte le altre iniziative in programma.

Angelo Scipioni