Mentana: per celebrare il 150° anniversario della battaglia di Mentana, 1867-2017, istituito il Comitato storico-scientifico

Ci prepariamo a celebrare i 150 anni della battaglia di Mentana.

Un brevissimo cenno storico; i volontari di Giuseppe Garibaldi si scontrano con le truppe franco-pontificie nella battaglia di Mentana. La vittoria dei papalini proprio a Mentana assicura allo Stato Pontificio altri tre anni di vita, nel corso dei quali il sovrano pontefice terrà il tanto discusso Concilio Vaticano I.

E’ stato costituito il Comitato storico- scientifico che coordinerà ed organizzerà le manifestazioni sul territorio per il 150° anniversario della Battaglia di Mentana 1867- 2017.
Fanno parte di questo Comitato, insieme al Sindaco Marco Benedetti ed all’Assessore alla Cultura Barbara Bravi, la professoressa Marina Formica dell’Università di Tor Vergata, il professor emerito Giuseppe Monsagrati, il dottor Claudio Bocci, direttore di Federculture, il dottor Giuseppe Giannotti, vicedirettore di RAI Storia, il dottor Giulio Pioli, il professor Lucio Cantagalli ed il professor Francesco Guidotti.

Lo scopo di questo Comitato- ha spiegato l’Assessore Bravi– è quello di organizzare al meglio tutte le iniziative previste a Mentana per il 150° della Battaglia garibaldina”.

Visitando il Cimitero Acattolico a Roma, mi è capitato di osservare due lapidi di garibaldini sepolti, che avevano combattuto a Mentana. Ricordare la Battaglia garibaldina del 1867 è importante e lo consideriamo scontato, perchè non c’è persona in Italia che non la conosca; anzi, ricordare la Storia è fondamentale, omaggiare Mentana anche, valorizzarla, poichè in tutte le città d’Italia esistono  piazze e vie intitolate proprio alla città di Mentana.

La battaglia di Mentana, lo ricordiamo ai nostri lettori,  fu un duro scontro a fuoco avvenuto proprio presso la cittadina di Mentana, nel nostro nordest romano, combattuta il 3 novembre 1867, quando le truppe franco-pontificie si scontrarono con i volontari di Giuseppe Garibaldi che era diretto a

L’Ossario, a Mentana

Tivoli per sciogliere la Legione, essendo fallita la presa di Roma per la mancata insurrezione dei romani.  In quella giornata di novembre, 150 giovani garibaldini persero la vita nello scontro con le truppe franco-pontificie, armate dei primi fucili a ripetizione.

L’intento di Garibaldi era quello di liberare Roma. Vogliamo ricordare ai lettori di Colibrì News, l’Ossario dei caduti ed un Museo Garibaldino Nazionale che dovrebbero essere vanto della cittadina laziale, da ricordare e valorizzare maggiormente.  Mentana ha un borgo bellissimo, con degli scorci che nulla hanno da invidiare a località suggestive e magari estere.

Come tutte le memorie storiche e le bellezze presenti alle porte di Roma, i Comuni dovrebbero valorizzare maggiormente i luoghi storici che fanno parte della nostra Storia, della cultura e del nostro passato, tutelando sempre la memoria storica. I cittadini ricordare sempre l’importanza e la sacralità di alcuni luoghi, memoria della nostra lotta per la libertà.

Alessandra Paparelli