Montecelio: Il Commissario prefettizio mette in vendita edifici storici all’interno del borgo, i cittadini avviano una petizione per preservare la loro memoria storica.

In data 06.03.2017 il Commissario straordinario della Città di Guidonia dott.sa Alessandra Nigro, ha approvato il piano di dismissioni 2017/2026 nel quale sono stati inseriti alcuni edifici storici situati nella parte più antica del borgo di Montecelio.

I locali interessati sono l’ex casa delle Suore e l’ex centro anziani situato in Via Servio Tullio.

Il primo ha un’importantissima storia alle sue spalle, è il luogo dove per moltissimi anni ci fu la scuola femminile gestita dalle Suore Adoratrici del Preziosissimo Sangue. Qui è dove furono eseguiti, dalle suore stesse, i primi ricami in filo d’oro che vanno ad arricchire ancora oggi il famoso costume monticellese della Vunnella. Ricami poi insegnati alle giovani ragazze che frequentavano la scuola e che hanno tramandato questa abilità fino ai nostri giorni.

Il secondo edificio è sempre legato alla conservazione del costume tradizionale di Montecelio, è infatti attualmente la sede dell’Associazione Culturale “La Vunnella”.

E’ in questo luogo che oggi si tramandano alle nuove generazioni le tecniche per realizzare l’abito tipico monticellese. Inoltre in questo edificio è presente anche la sede dell’Associazione Culturale che gestisce il Piedibus, servizio presente nel paese che si occupa di accompagnare in modo sicuro gli alunni delle scuole primarie presso gli edifici scolastici.

Con la perdita di questi due edifici sarebbe messo a grave rischio la preservazione delle più antiche tradizioni di Montecelio, già vittima negli ultimi anni di altre importanti privazioni come lo spostamento della Sede Comunale, la soppressione dell’Esattoria, la chiusura della Stazione dei Carabinieri, e più recentemente la chiusura del presidio dei Vigili Urbani.

I promotori oltre alla petizione richiedono al più presto un incontro tra il Commissario Prefettizio di Guidonia, il Prefetto di Roma e le Associazioni e i cittadini di Montecelio per cercare di impedire l’ennesimo colpo alla storia del CUORE del nostro Comune.

Stefano Bufalieri