Montecelio: Sagra delle Pinciarelle, tra tradizione e divertimento

L’Associazione Culturale Sapori & Folklore Montecelio, organizza e presenta  la 21° Sagra delle Pinciarelle a Montecelio, nei giorni 2-3-4 Settembre 2016.

La manifestazione è ideata e creata per divulgare e valorizzare uno dei prodotti più tipici dell’antico borgo cornicolano.  Farina, grano duro ed acqua, mescolatipinciarelle_2014_4 a mano, a formare grossi spaghetti che vengono conditi con una deliziosa salsa semplice di pomodoro.

Tre giorni di divertimento e gusto dunque, presso la Villa Comunale di San Michele nella splendida ambientazione del “giardino dei frati”. Di grande importanza paesaggistica e storica questo magnifico giardino comunale di Montecelio, che occupa l’intera sommità Triade capitolinadel colle di Monte Albano, circondando il complesso conventuale settecentesco di S. Michele Arcangelo.
Per completare l’evento della “Sagra delle Pinciarelle”, il Museo Civico ArcheologicoRodolfo Lanciani” resterà aperto, con accesso gratuito, dalle ore 19.00 alle 23.00, con visite guidate, a cura del Gruppo Archeologico Latino “Sezione Cornicolana“. Si potrà ammirare così  la celebre Triade Capitolina, trafugata nella tenuta dell’Inviolata nel 1992 dal tombarolo Pietro Casasanta e ritrovata nel 1994 dai Carabinieri del nucleo Tutela Patrimonio Artistico  prima che fosse venduta ad un museo d’oltreoceano. Collocata inizialmente nel Museo Nazionale di Palestrina, dal maggio del 2012 è tornata vicino ai luoghi dove è stata ritrovata ed esposta, appunto, a Montecelio nell’ex convento di San Michele sede del museo.
Il gruppo scultoreo, in marmo lunense, rappresenta Giove, Giunone e Minerva seduti su un unico trono.

All’interno della Sagra, i ragazzi in età scolare, dai 6 ai 13 anni, avranno la possibilità di divertirsi, imparare e giocare con i laboratori didattici a cura dell’Associazione Quattro Sassi

PROGRAMMA DELLA SAGRA
Venerdi 2 Settembre 2016
Ore 21.00 Musica live

Sabato 3 Settembre
Ore 21.00 Musica live

Domenica 4 SettembreDSC_7895
Ore 12.00 Apertura degli stand gastronomici
Ore 21.00 Musica italiana folk ed anni 60′, 70′, 80′ e 90′ –  Karaoke

MENU’ DELLA SAGRA 

– PINCIARELLE
-SPIEDINI DI PECORA
DSC_7858
-PANINI CON PORCHETTA, PROSCIUTTO E SALSICCE
-PATATINE FRITTE

-VINO ROSSO E BIANCO
-BIRRA ALLA SPINA
-DOLCI TIPICI

CENNI STORICI

 La comunità di Montecelio ha sempre custodito gelosamente la sua storia, le tradizioni, il dialetto; è un modo importante di tramandare tradizioni, recuperare e tenere stretta la propria identità.

Montecelio nasce in due siti importanti storicamente ed archeologicamente; sorge su due alture che furono occupate in epoca preistorica e arcaica (sec. X-V a.c.) da un centro urbano tradizionalmente identificato con la città latina di Corniculum (città natale, secondo la tradizione, di Servio Tullio), che cessò di esistere dopo essere stata sottomessa a Roma.

Durante l’età romana, sulle pendici dei colli sorsero numerosissime abitazioni importanti e di pregio, ville rustiche, mentre sulla vetta più elevata, venne costruito un piccolo tempio in opera laterizia su podio di travertino. Intorno all’anno Mille, questa sommità per il suo valore strategico e collocazione logistica, fu prescelta per la fondazione di un castello, il “Castrum Monticellorum” e di nuovo circondata da mura che ricalcavano le stesse mura preistoriche.

Alessandra Paparelli pg