Scuola Marco Simone: si apre per davvero (e forse senza classi di esclusi a Setteville)

Sembra che il bandolo della matassa sia stato trovato dall’impresa costruttrice e dagli uffici Scuola di Piazza due Giugno: sacrificare alcuni laboratori per arrivare alle tanto sospirate 26 aule capaci di contenere gli alunni che, per elementari e medie, avevano fatto richiesta di frequentare il nuovissimo plesso scolastico di Setteville. La stessa certezza, al momento, non ci sarà per gli studenti residenti nel quartiere ma che fino all’anno scorso frequentavano altri istituti scolastici, come Colleverde o Guidonia: i nulla osta al trasferimento sono in stand by in quanto non è ancora stato possibile soddisfare tutte le istanze.

In una visita svolta questa mattina dal consiglio di istituto dell’Istituto Comprensivo Giuseppe Garibaldi di Setteville, dal quale dipende la scuola, il direttore dei lavori ha illustrato in lungo ed in largo le aule e gli spazi che entro un paio di settimane saranno colonizzate dai ragazzini del grande quartiere tra la SP 28 Bis e la Palombarese.

Possiamo dire quindi di stare tranquilli a tutti quei genitori (o quasi) che negli scorsi mesi si erano visti respingere la domanda di iscrizione dei propri figli nella scuola su via Appiano e che con numerose proteste e richiesta di accesso agli atti avevano cercato di vederci chiaro nel famigerato criterio utilizzato per capire chi era dentro e chi era fuori: il sorteggio.

<<Una lotteria organizzata negli uffici della scuola a porte chiuse>>, contestavano gli abitanti del quartiere che abitano a due passi dal nuovo complesso scolastico, ma si vedevano costretti per capienza a dover portare nuovamente i ragazzi a Setteville.

DSC03782
La nuovissima scuola di Setteville Nord
In verde la strada d 200 mt che non potrà essere utilizzata, in rosso il giro di 2,5 km che dovranno fare in più gli abitanti di Setteville Nord.
In verde la strada di 200 mt che non potrà essere utilizzata, in rosso il giro di 2,5 km che dovranno fare in più gli abitanti di Setteville Nord.

A confermare l’imminente apertura della scuola sembra ci sia anche una precisa direttiva del Commissario che ha fatto andare una squadra di addetti alle pulizie straordinarie sul posto lunedì 22 Agosto. Anche sul fronte allacci alle utenze, pare sia tutto sotto controllo, e sono stati acquistati dalla ditta costruttrice anche gli scaldavivande ad induzione che in teoria dovevano essere a carico della ditta che si occupa dei pasti scolastici, ma con la quale c’erano stati dei ritardi nella comunicazione.

A questa buona notizia, però, fanno fronte delle perplessità alle quali nessuno finora è riuscito a dare una risposta. Rimane senza soluzione, infatti, la possibilità di utilizzare la strada sterrata di 200 metri che collega la chiesa in via Anticoli Corrado con la scuola, in quanto sembra ricada interamente in terreno privato sul quale il proprietario ha già pronto un progetto approvato per la realizzazione di impianti sportivi. Tale pianificazione, sarebbe del tutto incompatibile con una eventuale nuova strada che gli passerebbe completamente nel mezzo. Ad oggi, quindi, chi viene da Setteville Nord dovrà fare un giro di due chilometri e mezzo fino all’ingresso di via Appiano, nella parte più alta di Marco Simone. E per ribadire che “da qui non si passa”sembra proprio che mentre si svolgeva la visita di questa mattina, degli operai piantavano dei pali all’imbocco della strada sterrata per istallare una recinzione per impedire il passaggio delle automobili.

Red.