Scuola di Setteville Nord: i genitori bloccano via Appiano per protesta. Parte la petizione M5S

L’avevano promesso e l’hanno fatto: I genitori dei ragazzi del nuovo plesso scolastico di Setteville Nord hanno bloccato stamane l’ingresso al parcheggio dell’istituto, paralizzando di fatto e ancor di più la strettissima via Appiano, l’unico e risicatissmo accesso all’area.

Come anticipato dal Colibrì il 2 Settembre, da giorni il malcontento serpeggiava tra le centinaia di genitori costretti a vedere la scuola da meno di 200 metri di distanza ma essere costretti di fatto poi a fare un giro incredibile  di oltre 3 chilometri nel quartiere per accompagnare i figli, rendendo praticamente impossibile portarli a piedi.

L’appuntamento quindi era stato già fissato per stamane alle 7.45, quando il blocco dei genitori si è piazzato proprio davanti al parcheggio della scuola non consentendoappiano2 alle auto di potercisi addentrare: il risultato scontato è stato un enorme groviglio di vetture in entrata e in uscita dallo strettissimo budello nei pressi di via Appiano, che ha fatto perdere oltre mezz’ora a tutti per trovare il sistema di parcheggiare nei dintorni e proseguire a piedi. Le richieste delle famiglie sono semplici ed indirizzate direttamente all’amministrazione comunale: nell’immediato metteteci uno scuolabus che raccolga i ragazzi o un collegamento SAP adeguato, ma la strada è da fare.

All‘appuntamento anche alcuni attivisti del M5S di Guidonia Montecelio che in pochi minuti hanno raccolto oltre un centinaio di firme per chiedere il servizio scuolabus che potrebbe almeno dare un po’ di ossigeno alle famiglie finché la situazione della strada non venga definita. Ricordano gli attivisti che erano stati loro a sollevare il problema della strada in tempi non sospetti nelle commissioni Urbanistica e Lavori Pubblici: <<Ne parlammo con il dirigente De Paolis, nella sua doppia funzione in entrambe le aree. Un genitore che firma la petizione M5SCi rispose che gli accordi al momento non contemplavano l’ipotesi di una strada di collegamento, ma sicuramente avrebbero trovato una soluzione con il proprietario del

In verde la strada d 200 mt che non potrà essere utilizzata, in rosso il giro di 2,5 km che dovranno fare in più gli abitanti di Setteville Nord.
In verde la strada d 200 mt che non potrà essere utilizzata, in rosso il giro di circa 3 km che dovranno fare in più gli abitanti di Setteville Nord.

terreno prima dell’apertura dell’anno scolastico. Cosa che evidentemente è fallita>>. La proposta dei pentastellati, era ancora più articolata della semplice strada di collegamento, e comprendeva anche un asse viario con il limitrofo quartiere di Laghetto-Casal Bianco, distante poche decine di metri ma assolutamente impossibile da raggiungere in maniera semplice <<Se previsto in tempo, questo intervento viario avrebbe consentito, oltre che una corretta viabilità per la scuola, anche di porre rimedio alla dissennata e mai pianificata edificazione del territorio, che si è di fatto mangiata strade, marciapiedi e parchi per i ragazzi >>.

La protesta dei genitori, si diceva stamane, continuerà ad oltranza e probabilmente si sposterà anche sotto le finestre del Commissario Marani a Piazza Matteotti per chiedere l’ennesimo incontro chiarificatore per cercare di dirimere la matassa.

Red.