Si è conclusa con la visita al Car di Guidonia, la tre giorni della Conferenza dell’Unione Mondiale dei Mercati all’Ingrosso: WUWM.

 Con la visita ai padiglioni del Car di Guidonia, delle delegazioni dei 42 paesi partecipanti, si è conclusa la terza giornata della Conferenza dell’unione mondiale dei mercati all’ingrosso (WUWM, World Union of Wholesale Markets), organizzata dal Car, dalla Fao e dall’Unione mondiale dei mercati all’ingrosso.

La conferenza, giunta alla sua XXXI edizione, si è svolta per la prima volta a Roma e ha visto la partecipazione di 600 rappresentanti esperti del settore, di 42 nazioni e 150 mercati all’ingrosso, con una presenza significativa anche di mercati al dettaglio di nuova generazione.

Queste conferenze, organizzate dal WUWM, (l’Unione mondiale dei mercati all’ingrosso) si svolgono ogni sei mesi in un paese aderente diverso, per permettere lo scambio di esperienze, competenze e conoscenze: con l’ulteriore obiettivo di creare e gestire nuovi mercati. L’incontro con i dibattiti si è tenuto il secondo giorno della conferenza nel palazzo della Fao a Caracalla. Sono stati affrontati svariati temi: si è parlato di sviluppo ecocompatibile dell’agricoltura e della distribuzione, dell’eliminazione degli sprechi alimentari. Si è affrontato anche il tema del rilancio dei mercati al dettaglio messi in crisi dalla grande distribuzione e l’adozione di logistiche a basso impatto ambientale.

Il terzo giorno c’è stata, appunto, la visita al Car di Guidonia. Tutti i partecipanti, sono giunti al Car a bordo di pullman turistici, divisi per delegazione e lingue diverse e sono stati accompagnati, a scaglioni, nella visita dei padiglioni del mercato ittico ed in quelli del mercato agroalimentare. Ad accoglierli c’erano, oltre al capo Ufficio Stampa Fabrizio Venturini, il presidente del Car Valter Giammaria e il direttore generale Massimo Pallottini che ha margine della visita ha tenuto a sottolineare ai giornalisti presenti come: “Il primo obiettivo di questa tre giorni è stato quello di avere avuto occasione di incontrare e conoscere le migliori e più variegate esperienze nel campo dei mercati all’ingrosso nel mondo. Sono stati tre giorni in cui abbiamo appreso esperienze che hanno un valore incomparabile rispetto all’impegno che abbiamo profuso ad organizzare questo congresso. Perché abbiamo ospitato i rappresentanti dei migliori mercati d’Europa e del mondo. I temi del dibattito vogliamo approfondirli. Ci interessano non solo il ruolo dei mercati, ma anche la funzione, ad esempio, del settore del biologico nei mercati, che è una cosa innovativa, e nel merito abbiamo presentato le esperienza dei mercati come Parigi e Barcellona che sono più avanti da questo punto di vista”.

Parlando della posizione internazionale del Car, il presidente Valter Giammaria ha ricordato che “E’ molto importante. Noi investiamo molto sull’internalizzazione. Frequentiamo tutte le filiere internazionali di grande interesse, che si fanno a livello europeo e mondiale. Noi vogliamo far crescere sempre di più quello che rappresentiamo. Dentro il Car ci sono gli operatori, i grossisti, che debbono internazionalizzarsi”. In merito al rapporto con gli enti pubblici, Giammaria ha spiegato che: “La società del Car è formata da tre soci: il Comune, la Regione e la Camera di Commercio. La Camera di Commercio crede molto in questa struttura, tanto è che siamo diventati il primo socio di riferimento. Quello che chiediamo è che anche le altre istituzioni pubbliche, come Comune e Regione credano in queste grandi strutture, che danno anche prestigio al nostro territorio, perché diventare il primo centro agroalimentare d’Italia non è una cosa da poco”.

Angelo Scipioni

GUARDA LA  FOTOGALLERY

Questo slideshow richiede JavaScript.