Villa d’Este: le meraviglie della Villa incontrano i Musei Aperti

Sabato 2 e domenica 3 luglio Villa d’Este aderisce alla Festa dei Musei, con una serie di iniziative quali concerti e aperture straordinarie.

Villa d’Este di Tivoli è un capolavoro del Rinascimento italiano e figura nella lista dei patrimoni dell’umanità dell’UNESCO. Un vero gioiello, con le sue stanze, i suoi giardini e statue, i suoi giochi di colori e sfumature, la sua storia, l’arte ed il profumo di vita e cultura che all’interno si respira. La Villa sarà aperta con orario prolungato dalle ore 8.30 alle ore 24.00, le entrate serali sono spettacolari (ricordiamo che l’ultima entrata è possibile entro le 23.00).
Villa d’Este aderisce alla campagna e programmazione ” Musei Aperti“- Festa dei Musei.Tivoli Villa D'Este Fontana dell'organo

Sabato 2 luglio, ore 21.00: concerto “Il segno di Orlando”, tenuto da “La Vertuosa Compagnia de’ Musici di Roma” con musiche di Haendel, Lully, Porpora e Steffani ispirate al Furioso . L’ evento inaugura le “Serate Furiose”, la rassegna di manifestazioni che si terranno per celebrare il Cinquecentenario della pubblicazione del capolavoro di Ludovico Ariosto (dal 15 giugno al 30 ottobre 2016).

Domenica 3 lugliTivoli Villa D'Este Panoramica dalla fontana delle civetteo , invece, come ogni prima domenica del mese, Villa d’Este sarà aperta gratuitamente dalle ore 8.30 alle ore 19.45

NOTE STORICHE

Gioiello architettonico, Villa d’Este, la regina delle ville. Capolavoro assoluto artistico, voluta dal cardinale Ippolito II, governatore della città di Tivoli. Siamo tra il 1550 ed il 1570, circa, come tempi e storia, passaggi, progettualità.

Le peschiere, la Fontana del Nettuno, il Bicchierone, la Fontana dell’Organo, la Fontana dell’Ovato, sono soltanto alcune delle meraviglie che lo spettatore si trova davanti; ci immergiamo in una realtà surreale, magica, rarefatta, dalla pacata ed antica atmosfera: sembra di trovarsi in un giardino segreto, un luogo un po’ più intimo rispetto agli ampi spazi delle sale e stanze affrescate, con scalinate ed esterni dominati dai marmi e dalle costruzioni architettoniche. Il viale delle Cento Fontane e la Rometta, un complesso gioco di luci e costruzioni che ci permette di sTivoli Villa D'Este Fontana del Nettunoognare in una geografia molto particolare ed ironica.

Questo primo fine settimana di luglio 2016, dunque, in coincidenza con la XXIV Conferenza generale dell’ICOM (International Council of Museum), il MiBACT celebrerà questa straordinaria iniziativa , solitamente dedicata agli specialisti ed addetti ai lavori, dando vita alla prima edizione della “Festa dei Musei”, un grande evento nazionale alla cui realizzazione hanno partecipato non solo i principali musei statali, ma anche tutte le realtà pubbliche e private che hanno aderito con entusiasmo e partecipazione alla bella iniziativa.

Il mondo non è stato creato una volta, ma tutte le volte che è sopravvenuto un artista originale.
(Marcel Proust)

Alessandra Paparelli